fiOrdivanilla | il Senso del Gusto: Mousse di cioccolato al cardamomo e caffè con sablée alle mandorle tostate

martedì 4 agosto 2009

Mousse di cioccolato al cardamomo e caffè con sablée alle mandorle tostate

L'ho conosciuta da pochissimo, lei e il suo “dolcissimo” spazio sul sito di FrancescaV. Da quando ho visto il suo blog non ho smesso un attimo di stupirmi per la bellezza delle fotografie e la creatività dei piatti che propone e la primissima volta che l’ho visitato, mi sono innamorata della sua mousse al primo sguardo. E’ stato amore a prima vista! Senza nemmeno leggere ingredienti né procedimento ho sentito la necessità di provarla subito! Guardatela voi stessi, mi darete ragione!

Ma ecco ora la mia rivisitazione : ) 

Mousse di cioccolato al cardamomo con sablée alle mandorleUna torta delle più belle e semplici mai fatte e al contempo favolosamente buona: il titolo già la dice lunga, svelando già il connubio – perfetto – del cioccolato col cardamomo, in questo caso con l’aggiunta del caffè.
Un gusto incredibilmente avvolgente, morbido, vellutato, fresco.
Sarete avvolti e coccolati da un’avvolgente e delicata freschezza, che vi darà sollievo dalla calura estiva. 
Il liquefarsi della mousse al calore del palato, che la scioglie molto lentamente ricoprendo la lingua e scendendo lungo la gola. Un pezzo di paradiso che induce necessariamente al desiderio di assaporarlo di nuovo.

Con questo caldo so bene che molti di voi hanno voglia di usare il forno pari a 10. Ma fate solo un piccolissimo sforzo per la base alle mandorle, per la quale, credetemi, vale proprio la pena versare qualche gocciolina di sudore.
Pensavo ad una base friabile ma compatta, e saporita, non alla solita pasta frolla. La pasta frolla non ce l’avrei vista nel modo più assoluto, anche perché la frolla è “spessa”, non nel senso di altezza ma di consistenza. La sensazione data dall’addentatura della frolla è di spessore, a mio parere. Una sensazione ‘rustica’. Come in una crostata, compito della frolla è di sorreggere, contenere, fare da “guscio” e conferire un sapore rilevante. Questa adorabile sablée alle mandorle, no. Lei è leggermente dolce e croccante per via delle mandorle tostate, è delicata come un petalo sotto il peso irrilevante della farfalla, è un in più assolutamente gradito, anzi voluto. Si amalgama con la mousse alla perfezione, si impasta così innocentemente nella bocca tra una masticazione ed un’altra che quasi non si sente, ma c’è, e fa la differenza. E che differenza.

E la leggera croccantezza delle mandorle appena appena tostate e lievemente imbrunite, che camuffano abbondantemente l’intera superficie della mousse? …

Mousse di cioccolato al cardammo e caffè con base sablée alle mandorle tostate

Ingredienti per la pasta sablée alle mandorle tostate

200 gr di farina
50 gr di mandorle a lamelle tostate in padella e poi raffreddate
2 cucchiai di zucchero a velo
100 gr di burro molto freddo (dal frigo passatelo al freezer per 4/5 minuti)

Tagliate il burro a pezzettini. Metteteli nella ciotola del mixer insieme agli altri ingredienti e lavorate fino a ottenere un composto simile al pangrattato. Unite ora 1 cucchiaio di acqua fredda, mescolate ancora e formate una palla.
Avvolgetela nella pellicola e lasciatela per un’oretta buona nel frigo.
Ricoprite con carta da forno la base di uno stampo a cerniera di 24 cm, ovvero mettendo la carta da forno tra la base e la “cerniera”, la quale incastrerà la carta da forno che dovrà essere perfettamente “tirata”; ovviamente rimarranno fuori dalla cerniera avanzi di carta, ma la carta che ricopre la base non deve avere cunette! Foderate ora il fondo dello stampo con l’impasto*;
una volta appiattito, perfezionate aiutandovi con della pellicola: appoggiatela sopra e lisciate pian piano con le dita, non troppo di punta ma leggermente inclinate, altrimenti anziché lisciarla la bucherellate O_o .. fate così fino ad ottenere una superficie più o meno liscia e di pari altezza in ogni punto.
Ora rimettete lo stampo in frigo per almeno un’altra mezzora (45/50 minuti se lo avete lavorato molto).
Scaldate intanto il forno a 180°.
Cuocete in bianco la pasta sablée con un pezzo di carta da forno sopra e dei pesi per cottura, (pesi di ceramica o legumi). Cuocere per 20/25 minuti: la sablée deve risultare leggermente dorata. Se così non fosse, cuocere ancora per 1 o 2 minuti, senza la carta.
Sfornatela e lasciatela raffreddare completamente.

Ingredienti per la mousse
200 ml scarsi di latte
20 grani di cardamomo (a prova fatta, io suggerirei di metterne un po’ di più)
1 o 2 cucchiaini di caffè solubile di buona qualità (non sorvolate su questo, perché il caffè solubile quando non è buono, è davvero disgustoso)
500 gr di panna liquida fresca
250 gr di cioccolato fondente (io ho messo 200 gr di cioccolato fondente e 50 di cioccolato alle fave di cacao)
80 gr di zucchero
12 gr di gelatina in fogli

50/70 gr di mandorle a lamelle passate in padella per pochi minuti (continuando a girarle)

Scaldare il latte e il cardamomo, portarlo al limite del bollore, allontanarlo dal fuoco e aggiungere il caffè. Mescolare per bene per non lasciare grumi. Lasciare in infusione per 15 minuti, quindi filtrare. Tritare al coltello il cioccolato e farlo fondere a bagnomaria, su fuoco basso. Incorporarlo al latte con lo zucchero, mescolando finché sarà amalgamato.
Montare intanto la panna e incorporarla alla crema di cioccolato quando questa si è intiepidita (il calore smonterebbe la panna), sollevando con delicatezza la massa dal basso verso l’alto con un cucchiaio di legno o con una spatola da cucina. Sciogliere la gelatina a bagnomaria (precedentemente fatta rinvenire in acqua fredda per una decina di minuti) e incorporarla alla crema preparata, mescolando piano.

Ora, ritagliate un rettangolo di carta da forno della lunghezza della circonferenza dello stampo (qualche mm in più), e rivestite la parete interna. Versate la mousse delicatamente.
Coprite lo stampo con della pellicola. Trasferite lo stampo in frigorifero per una notte.
Togliete lo stampo dal frigo, cospargetelo con le mandorle precedentemente tostate e raffreddate e passatelo in freezer per una decina di minuti. Una volta tolto dal freezer aprire piano piano la cerniera e delicatamente sfilare la carta da forno che avvolge i lati del dolce.
Servite la mousse a fette, bagnando di volta in volta il coltello.
Mousse di cioccolato al cardamomo e caffè con sablée alle mandorle


Articoli correlati per categorie



Stampa il post

58 semini di vaniglia:

Federica ha detto...

mi hai convinto!!! deve essere straordinaria!!!

baci!

enza ha detto...

voglia di forno? ma se ieri ho fatto la pizza! e questa finì nella mia top ten! forte lenny e brava tu nelal reinterpretazione che ne diresti però di uan sableè semplice? si può fare? giusto perchè non ho le mandorle in casa

Lydia ha detto...

Non ho ancora fatto colazione!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Sai che non ho mai utilizzato il cardamomo??

fiOrdivanilla ha detto...

@ Fede grazie :)
@Enza... ohh meno male, qualcuno che non disprezza il forno solo per un po' di calduccio.. graaaSSie! :)) una sablée semplice va più che bene! Io volevo richiamare il sapore delle mandorle "così sopra, così sotto" :D ma va benissimo anche senza mandorle, è la pasta di per sé che mi piace, in sostituzione della frolla che proprio non ci si addice ;)

@Lydia il cardamomo devi provarlo.. non a tutti piace, ma a mio parere ha un sapore impareggiabile, di un buono che non so come esprimerlo, soprattutto nell'accostamento cioccolato+caffè: è divino, te lo assicuro. E se a te piacciono le spezie un po' "calde" e intense, ti piacerà sicuramente!

Virginia ha detto...

Ma qui c'è la lege transitiva all'ennesima potenza! Se il cioccolato sta bene con il cardamomo e il cardamomo si sposa col caffè (come sappiamo dalla trad. orientale), allora...

manu e silvia ha detto...

Davvero buonissima! la croccantezza della basa si deve conbinare benissimo con la morbidezza della mousse!
é un vero spettacolo!
un bacione

furfecchia ha detto...

forno spento??? il nostro fornaio di fiducia, che cuoce nel forno a legna, è in ferie... altri fornai non ci piacciono e io sforno ogni giorno il pane con la pasta madre....
non mi spaventano certo i 25 minuti di cottura della base di questa spendida mousse!

Genny ha detto...

ah!lenny è una garanzia!!! e il cardamomo con il cioccolato..ah!è fantastico , concordo!

Mary ha detto...

Una meraviglia!

niko sinisgalli chef ha detto...

una delizia come sono molto goloso per pranzo mi basterebbe una bella fetta della torta e un cafe latte provatelo al posto del solito paitto salato (in molti paesi del europa il pranzo è dolce)

Tania ha detto...

La tua descrizione non fa che aumentare l'acquolina che arriva presto, appena si guarda la foto (stupenda!). Gli abbinamenti sono una garanzia, definire questa torta-mousse divina forse è poco.

Claudia ha detto...

E' semplicemente magnifica!!!!!! io anche per una mia torta mi son basata su quella ricetta!!!!! è favolosa :-)))))

mika ha detto...

Se c'è il cardamomo allora mi piace di sicuro...a scuola abbiamo fatto una semplice mousse pate à bombe, panna e cioccolato che era divina al palato...buona di sapore, ma la consistenza di nuvola lo superava in piacevolezza...

dolci a ...gogo!!! ha detto...

anch'io adoro le ricette di lenny le trovo strepitose ma tu hai fatto cmq un capolavoro di golosita!!anch'io ne ho aftto una simile e devo dire che il sapore è sbalorditivo !!bravissima come sempre,baci imma

Alessandro Guerani ha detto...

Il cardamomo con il caffè è la morte sua (come direbbero a Roma). Si usa proprio un seme di cardamomo per aromatizzare il caffè all'orientale ed è favoloso.
La ricetta è veramente golosa, già messa nella lista di quelle da provare. Sono solo curioso di sapere come fai a fare le mandorle a lamelle, quando ci provo io si disintegrano e basta :D

FrancescaV ha detto...

la versione della mousse di Lenny al caffè dev'essere ottima, e la tua presentazione molto romantica, complimenti. Per Alessandro: io le mandorle a lamelle le compro già così, non se se sei possono fare a casa, sentiamo Manuela cosa ci dice. Ciao!

fiorix ha detto...

che dire...leggendo mi hai lasciata senza parole...fantastica!!

clamilla ha detto...

Ciao!!! Porto una grande notizia!!! Su Giallo Zafferano è partita una sfida “all’ultima brace”!Si tratta di un concorso per aspiranti griller, con in palio un barbeque del valore di 1.000,00 euro!
Non farti scappare l’occasione di metterti in gioco! Collegati ed iscriviti gratuitamente a Giallo zafferano e partecipa anche tu!
Trovi maggiori informazioni seguendo questo link:
http://forum.giallozafferano.it/contest-bbq-grilling-experience/
Se hai bisogno di una mano a capire come funziona, sono a tua disposizione, clicca sul mio nome in questo messaggio ed accedi al mio blog, lasciami pure la tua richiesta per email o nel post dedicato a questa iniziativa…..spero di vederti tra i concorrenti!
Con simpatia:
Clamilla (su giallo zafferano sono martinaS)

marifra79 ha detto...

Ho scoperto da poco il cardamomo!!!Lo metto ovunque...non ho mai provato a fare una mousse, ho sempre pensato che fossero difficili...questa deve essere fantastica!!!
bacioni

Morena ha detto...

Beh.....!!!io mi sono innamorata delle tue foto....e della tua mousse..peccato che qui di Cardamomo nemmeno l'ombra...con cosa si potrebbero sostituire i grani?...
o forse in erboristeria si potrebbero trovare??

ciao e complimenti!!!

Onde99 ha detto...

Hai descritto le sensazioni gustative associate a questa torta/mousse in maniera così estatica e sognante che mi sembrava quasi di mangiarla con te... :-)

fiOrdivanilla ha detto...

@Virgi.. precisamente! Vanno a braccetto :)
@gemelline sì, che poi la base non è che sia croccante come una frolla, ci tengo a sottolinearlo. E' friabile ma compatta e si amalgama alla mousse - durante la masticazione - che è una meraviglia. La croccantezza è più data dalle lamelle :)
@furfecchia eheh altro che risparmio d'estate: forno spento? mai! :D e poi vuoi mettere che profumi escono dal forno quando prepari il pane!? O quando cuoci una pasta frolla al cacao? ..
@Genny, decisamente fantastico, sì sì !
@Mary thanks!! :)
@Niko ciao! Ma che bel nome.. e tu come ci sei finito qui in questo posto di una pazza insonne come me!? :) non ti ho mai "visto" in giro (mi viene da sorridere un po' a dire così;).. ho visto di sfuggita il tuo sito, mi è parso subito molto bello, ordinato, pulito... devo assolutamente mettermici per bene a visitarlo!
In molti paesi dell'europa dici? E perché anche a casa mia siamo tentati (io e mia mamma) di fare così!??! :) scherzi a parte, concordo coin te, è bello e soddisfacente fare un pranzo o una cena con un bel dolce saziante. Non necessariamente calorico (come in questo caso :D). Io lo trovo bello.. si mangia salato a colazione e perché non il dolce al posto del pranzo o della cena?? Io da piccola cenavo con una bella tazzona di latte+ovomaltina con biscotti macine della mulino bianco. Che nostalgia :')
@Tania graziegraziegrazieee :) sono felice ti piaccia e che la mia descrizione rende bene l'idea! Per me sono importanti le descrizioni, sai.. :)
@Claudia... ma come, ci dici che anche tu hai fatto una torta con quella mousse, o simile, e non ci mostri niente??? che egoistaaa :D
@Mikaa è tanto buono il cardamomo eh? io ci ho fatto anche il gelato, firmato Pierre Hermé.. e ti assicuro che è venuto da favola.
@Imma grazie tante, grazie per l'apprezzamento .. e anche tu, come Claudia, fai una torta con quella mousse e non ci dici niente??? 'ttiva! :(
@Aleeeee Le mandorle a lamelle? Certo, prendo le mandorle intere, le metto qualche minuto nell'acqua in ebollizione, tolgo la pellicina.. e poi le grattugio con la mitica zester della Microplane.
ahahahha ma va lààààà ! Mi hai fatto sorridere dalla tenerezza :D si comperano già così teso', al supermercato (qualsiasi) vendono i pacchettini di mandorle già a lamelle. Altrimenti c'è la comune granella, mandorle a bastoncini (trovate solo in Svizzera), intere... :)
@florix, è un piacere lasciar... come dire... senza parole! Positivo in questo caso, no? :)
@marifra, ti assicuro che non è complicato fare una mousse, solo devi avere l'accortezza di lasciar intiepidire di molto il cioccolato fuso, perché altrimenti la panna, una volta montata, se amalgamata con qualcosa di caldo tende a smontarsi e liquefarsi. ah, una cosa importante: NON MONTARE troppo a lungo la panna pensando magari che così facendo, avrai una mousse più consistente. Quanto è ben montata, dopo circa due minuti o giù di lì, fermati... Perché altrimenti vedrai la panna iniziare a separarsi in una parte solida e una liquida: burro e latticello :D

fiOrdivanilla ha detto...

Onde, non sai che piacere mi fa leggere queste parole... perché devi sapere, come ho detto in risposta a Tania qui sopra, che scrivere in maniera molto espressiva delle sensazioni, del gusto, del sapore, del profumo... è la mia più grande aspirazione. Il mio intento è, fondamentalmente, quello di trasmettere la medesima mia percezione delle cose.
Grazie :*

fiOrdivanilla ha detto...

FrancescaV, mi piace l'idea che ti trasmetta un senso di romanticismo.. si. Grazie :)

fiOrdivanilla ha detto...

MOrena, il cardamomo.. te lo mando io! Se vuoi scrivermi in privato nel mio profilo trovi la mia mail, sarei felice di mandartelo, davvero. Sempre che anche a te faccia piacere :) i grani potresti sostituirli con.. hm.. con la vaniglia. Anzi, io proverei a sostituirlo con:
vaniglia;
oppure cannella;
oppure zenzero.
Non so se intendevi un'alternativa ai semi di cardamomo oppure un altra cosa che ci assomigli... perché ad assomigliare a quel sapore non c'è assolutamente nulla, te l'assicuro. Una bacca di vaniglia è un'ottima sostituzione. Comunque il cardamomo lo trovi sicuramente in un negozio di alimentari etnico (indiano, arabo, ecc.), nelle drogherie, ecc. ... in erboristeria è meno probabile ma pur sempre possibile.. tentar non nuoce. Ma dimmi, di dove sei tu? :) magari posso consigliarti qualche negozio dalle tue parti..
grazie dei complimenti, mi fanno piacerissimo! E non sai che gioia mi dai dicendomi che ti piacciono così tanto le foto!

Danea ha detto...

Hai fatto innamorare anche me!
Complimentissimi per questa e per le altre bellissime e buonissime ricette :)

Morena ha detto...

Carissima, sei molto molto gentile...proverò a cercare in qualche negozio etnico o biologico o erboristeria...sono sicurissima che il sapore ed il profumo non si possano sostituire..fatalità ho visto un servizio in tv proprio ieri...
se non li trovo, sarei felicissima se me li spedisci tu, la tua mousse è da provare!!!

P.S. sono in Provincia di Vicenza

Le foto sono splendide...Brava!!

katty ha detto...

decisamente favolosa!!! il cardamomo non l'ho mai provato e non l'ho mai cercato, ma ora mi incuriosisce molto e cercherò!!! bacioni!!!

Forchettina Irriverente ha detto...

Sarà anche semplice, ma con una torta così farei un figurone !! La tua torta mi affascina sul serio, anche èerchè mi piacciono le torte son consistenze soffici come la tua !!
Brava Brava Brava
Baci Manu

paolaotto ha detto...

FAN-TA-STI-CA....grazie davvero, la farò mia al più presto, lo giuro. Baci. paola

SUNFLOWERS8 ha detto...

Ciao bella che meraviglia di torta!!! E le foto sono così belle che sono sul tuo blog a rimirarle da 10 minuti pensando se riuscirò mai a fare una bontà come questa!
Deve essere proprio buona, la tua descrizione è superlativa mi hai fatto venire l'aquolina...mannaggia!

Carolina ha detto...

Che MERAVIGLIA!!!
Tu vuoi farmi morire con questa delizia cioccolatosa...
Sai che l'abbinamento cioccolato/cardamomo avevo intenzione di provarlo quanto prima?! Adesso ho il tuo parere e non me lo farò mancare per niente al mondo...
La foto è semplicemente divina, complimenti! Quella spiga di grano è di gran classe.
Un abbraccio!

Morena ha detto...

Non ci crederai!!!!!ho trovato il cardamomo!!!!!appena torno dal mare facciola tua Mousse!!!

ciaooooooooooo!!smack!!

spighetta ha detto...

Questo dolce fa davvero un figurone ma stavolta devo passare...è troppo calorico e mi sembra anche eccessivamente complicato pèer me ; DD

pinar ha detto...

Manuela c'è un premio per te!
Passa a ritirarlo
ciao

lenny ha detto...

Grazie carissima!!!!!
In questi giorni sono in balia di uno sregolato ritmo vacanziero che mi ha allontanata dal pc e così solo oggi riesco a leggere il tuo commento …..
Una volta arrivata qui, mi sono emozionata al cospetto della tua meravigliosa interpretazione, già preannunciatami: le tue foto e la tua presentazione esprimono tutta la delicatezza e raffinatezza di questa preziosa mousse!

Mariluna ha detto...

A parte che anche tu sei bravissima, a parte che questa delizia me l'ero già segnata, a parte che muoio dalla voglia di farla subito ma evito di farla perché me la voglio godere al rientro dalle vacanze perché.....magari questo lo dico più tardi, cmq a parte tutto ti mando un grosso abbraccio :-)

ps: ho letto tutto e ben volentieri Grazie della compagnia notturna!

sweetcook ha detto...

Ero venuta a ringraziarti per la ricetta che mi hai suggerito, ma a momenti me ne dimenticavio dato che sono rimasta almeno 5 minuti a bocca aperta di fronte a questa mousse, compliemtni di cuore sia per l'esecuzione che per la foto!!!!

P.s La ricettina con il pimenton la proverò sicuramente:)

Anonimo ha detto...

Un giorno spero cucinerai per me, così da assaporare le sensazioni di cui scrivi assieme, al tuo fianco, per poi abbandonarmi a ciò che faranno nascere in me...

Tua eterna

T.

fiOrdivanilla ha detto...

grazie a tutti per l'apprezzamento di questa torta, ho notato che ha colpito molti l'uso del cardamomo, chi non lo conosceva, chi vuole provarlo, chi già lo ha provato e ne ha confermato il piacevole gusto, unico .. questa mousse penso si possa prestare a moltissime varianti.. in bicchierini con frutta, in bicchierini con mandorle, o con gelato..

fiOrdivanilla ha detto...

in particolare:
@Katti: provalo! :) poi mi dirai (che ti piace;P)
@Morena.. nooo.. e io che ero già contenta di potermi rendere disponibile e mandartelo :'( beh dai, sono contenta ugualmente che tu l'abbia trovato eheh ovviamente :) così puoi provarlo! Ci sono tantissime ricette col cardamomo, ad esempio buonissimi sono anche i truffles al cardamomo e caffè ricoperti di cacao!

fiOrdivanilla ha detto...

ah..
@spighetta! sono d'accordo con te, ehm... io infatti non mangio quasi mai i dolci, ne faccio giusto uno o due assaggi perché altrimenti non potrei descriverne i sapori e tanto altro.. di certo non potrei inventarmeli ;)

fiOrdivanilla ha detto...

@Pinar grazie infinite per il premio, passo presto a ritirarlo! sei stata gentile a pensarmi :)

@Lenny.. questa torta prendila come una dedica, perché se non fosse stato per la tua mousse non mi sarebbe per niente saltata in mente! :)

@Mariluna grazie tante... sai temevo di annoiarti a dire il vero, ti ho scritto un monologo!! Prossima volta suddivido almeno in più mail, così fa meno impressione ahahha :) felice d'averti tenuto compagnia! Quando torni tu dalle vacanze? Come va ora, ti stai rilassando? :)
un bacione!

@sweetcook di niente, è stato un vero piacere. E ti ringrazio molto per essere passata personalmente di qua :) e per l'apprezzamento un grazie particolare perché mi hai fatto anche sorridere ahahah :D 5 minuti di incantamento ? :D hihi

paolaotto ha detto...

Questa torta mi piace talmente tanto che la farò in occasione di una prossima cena senza neppure provarla, mi fido della tua parola...e ne approfitto per farti i complimenti: ricetta spiegata davvero molto bene, anche nei dettagli e non è facile perchè spesso si tende a dare molto per scontato: brava...e passa da me per ritirare un pensiero, mi raccomando. Con affetto. Paola

Anonimo ha detto...

Mi manchi.

Tua eterna

T.

dada ha detto...

Già profondamente sedotta dall'originale, non posso che inchinarmi davanti alla tua realizzazione :-). Ecco mi hai dato una voglia! Baci

Marina ha detto...

Ciao, cara! Appena tornata a casa dall'aeroporto, ho subito controllato le seguenti cose in internet: la mia mail, il sito di ciliegina sulla torta, e il tuo, sicura di trovare una prelibatezza frescafresca! E così è stato!! Dopo 12 giorni in cui mi sono nutrita di biscotti integrali e mele, la vista della tua foto è quanto di più vicino possa immaginare al paradiso...
Sono d'accordo con Virginia: nei dolci la proprietà transitiva non sbaglia mai, anch'io la sfrutto sempre! XD
(ros)marina

FairySkull ha detto...

buonissima !! e bellissime le foto !!!

Pupina ha detto...

hehehe, anche tu fulminata dalla mousse libidinosa di lenny?
Guarda caso anche a me aveva fatto venire la stessa voglia istantanea... guarda un po': http://fragolelimone.blogspot.com/2009/07/innamorarsi-perdutamente-di-una-ricetta.html

La tua versione è altrettanto golosa, una vera goduria!
Baci

fiOrdivanilla ha detto...

@dada, allora te ne offro una tutta per te :) beh ovvio, da condividere però eh! :)

@Rosss! :) a me vien da dire "che bello sei tornata!!" ma credo non ti faccia quanto a me ;P in compenso ora potrai nutrirti molto meglio, oltre che con il palato, anche con gli occhi ;)

@Grazie Fairy!

@Pupina cara, ma già l'avevo vista.. e come potrei dimenticarmene?? :)

Gabriella ha detto...

Questa torta sembra davvero meravigliosa e perciò ho deciso di prepararla per una cena con degli amici... però, per evitare di sbagliare, vorrei farti due domande:
1 Se non ho il mixer, come devo procedere alla realizzazione della sablée?(in particolare non ho capito se le mandorle devonorimanere a lamelle o se invece nel mixer vengono tritate)

2 Secondo te è consigliabile realizzarla il giorno prima e riporla in frigo? (solitamente con mousse o torte fredde viene dato questo consiglio, proprio per far sì che si compattino meglio i sapori).

Grazie di tutto e complimenti davvero.
Gabriella.

fiOrdivanilla ha detto...

Ciao Gabriella! Innanzitutto grazie per i complimenti, sei stata gentilissima! Ora ti rispondo subito alle domande:
a ritroso... (perché la prima domanda ha una risposta più breve;)
2 - sì, meglio se la fai il giorno prima, proprio per i motivi che hai detto.. però ci tengo a fare una nota, poi tu deciderai sul da farsi a seconda delle tue priorità e preferenze: la pasta sablée così come la pasta sucrée contengono molto burro e molto zucchero ed è per questo che sono delicate e friabili.. e per questo questi impasti sono più buoni appena cotti.. detto questo, visto che non sono biscotti si sablée ma è una torta ricca, quello che più importerà sarà ovviamente il 'sopra': quindi il mio consiglio è che ti basta coprire la cerniera della torta con della pellicola farci due buchini giusto per farla respirare, tenendola in frigo così fino al giorno dopo :)
e ora il procedimento.. che, però, non sono certa della sua riuscita, in quanto, come avrai potuto notare, non ci sono tuorli in questa sablée. Quindi facciamo così. Io ti do un procedimento che potrebbe andare per la sablée che ho fatto io, se non dovesse convincerti, ti do la ricetta di un'altra fantastica sablée che è quella di Michel Roux, una sicurezza quindi :)

possibile procedimento: versa la farina a fontana sul tuo piano di lavoro. Metti al centro il burro semi-freddo tagliato in piccoli pezzettini, lo zucchero, le mandorle tritate, e aggiungici anche un pizzico di sale. Lavora tutto con la punta delle dita e poi aggiungi un cucchiaio di acqua fredda e lavora fino a che l'impasto diventa omogeneo.
Impasta bene, fanne una palla, avvolgila nella pellicola trasparente e lascia riposare in frigo come detto nel mio procdimento originale.
___________

questa la sablée di Roux:
250 gr di farina
200 gr di burro, tagliato a pezzettini e leggermente ammorbidito
100 gr di zucchero a velo, setacciato
un pizzico di sale
2 tuorli

Versare la farina a fontana sul piano di lavoro. Mettere al centro il burro, lo zucchero a velo e il sale e lavorare con la punta delle dita, poi aggiungere i tuorli e incorporarli delicatamente, sempre con la punta delle dita.

Pian piano unire la farina al composto nella fontana (qui, aggiungo io, è intesa la farina che rimane ancora al lati della fontana..), lavorando delicatamente finché l'impasto diventa omogeneo.

Spingerlo lontano da sé con il palmo della mano, lavorare di polso, per tre o quattro volte, finché è liscio. Formare una palla, avvolgerla nella pellicola e mettere in frigo.


Questa sua non prevede le mandorle, ma le puoi aggiungere come ingrediente senza problemi:) le triti e le setacci insieme alla farina sul piano di lavoro. Se non sono troppo fini da passare al setaccio, setacci prima la farina e poi ci metti in mezzo le mandorle tritate. Niente di più semplice.

fammi sapere e se hai bisogno sono "sempre" qui a disposizione!

Gabriella ha detto...

Grazie infinite per la tua risposta... sei stata davvero rapidissima, precisissima e gentilissima!
Penso proprio che proverò il tuo procedimento a mano (del resto, facendola un giorno prima, se proprio dovessi combinare un disastro avrei tutto il tempo per riparare!)... Naturalmente appena avrò fatto, ti farò sapere l'esito dell'impresa!
Se comunque dovessi riuscire a recuperare il mixer(intrufolandomi nella cucina di una mia amica ;)) le mandorle potrei lasciarle a lamelle, perchè a tritarle ci penserebbe il mixer, giusto?

Grazie ancora della tua disponibilità.
Un abbraccio,
Gabriella.

fiOrdivanilla ha detto...

Gabri, esattamente, brava, le lasci così come sono perché tanto si riducono in 'polvere' mentre frulli. Però magari, frulla prima farina+mandorle+zucchero, poi metti il resto.. sennò rischi che si impastano col burro e non si frullano più mica tanto ;)

ti raccomando, fammi sapere che ci tengo eh :)

Gabriella ha detto...

Un aggettivo solo: buo-ni-ssi-ma!!!
Come ti avevo detto, l'ho preparata per una cena con amici ed è piaciuta davvero tanto (a me in primis)... Per la sablée, alla fine i miei sono andati in settimana nel loro paesello e ne ho approfittato per farmi portare l'impastatrice che giaceva lì inutilizzata: sai com'è, trattandosi di una cena con più persone non me la sentivo di rischiare ma magari un giorno farò la prova per vedere se riesce uguale!
Un piccolo problema invece l'ho avuto con la mousse: mangiandola capitava di incontrare dei pezzetti più gelatinosi (tant'è che un ragazzo mi ha chiesto se c'erano pezzi di frutta dentro!) quindi qualcosa sarà andato storto nel processo di gelificazione... Ma ti chiedo: che cosa? Io ho ammollato la gelatina per dieci minuti, l'ho sciolta a bagnomaria e l'ho inserita tiepida nella mousse che si era già raffreddata... Credo che sia stata una questione di temperature, ma la prossima volta non saprei cosa modificare... Aspetto un tuo parere (ma al limite, essendoci già 500 ml di panna, la gelatina non si potrebbe omettere? Però non me ne intendo e non vorrei dire una cavolata!).
Grazie comunque di tutto perchè, pezzi di frutta (!) a parte, era davvero buona.
Un bacio,
Gabriella.

fiOrdivanilla ha detto...

Ciao carissima! Sono contenta che tu abbia recuperato l'impastatrice! Buona la base vero?? :)
ahahhahah ti ha chiesto se c'erano i pezzetti di frutta dentro?? scusa se rido eheh ma che forte ;D
hm... sicura di averla A)lasciata per bene in ammollo (una decina di min) B) di averla sciolta bene e completamente ? so che sembrano domande banali ma a volte una piccola distrazione.. chi lo sa. Oppure non saprei.. Forse quando l'hai sciolta a bagnomaria è rimasto qualche pezzetto e sai, quando la metti con una cosa fredda se un pezzetto di gelatina non s'è sciolto.. c'è ben poco da fare: quello rimane! Facendola una volta (non in questo caso) una mousse simile, mi è successo ed allora ho tolto i pezzettoni che s'erano come aggrumati. Si può anche filtrare ma devi usare un colino a maniche medie, non fitte, perché sennò non passa e rimane tutta incollata al colino :)
prova a fare così, secondo me è stato soltanto questo il passaggio che ha causato la presenza di pezzetti non sciolti per bene. Hm... come avrai visto la mousse rimaneva "su", se non metti quel minimo di gelatina temo comunque che non rimanga così ben strutturata, capisci? Perché o c'è la gelatina, o altrimenti occorrono le uova..
Guarda qui ad esempio, ti lascio i link di alcune mousse che ho fatto tempo fa; come potrai vedere non c'è gelatina ma ci sono le uova:
http://fiordivanilla.blogspot.com/2009/03/mousse-superba-al-fondente.html

http://fiordivanilla.blogspot.com/2009/06/torta-ai-tre-cioccolati-auguri-mamma.html


in base a queste ricette potresti variare e fare una mousse che piace a te, tenendo sempre bilanciate le quantità, all'incirca. Puoi sempre sperimentare! :)

Gabriella ha detto...

La gelatina sono sicura di averla tenuta in ammolo per 10 minuti... per quanto riguarda il bagnomaria, credo che fosse ben sciolta ma in effetti non potrei giurarci. La prossima volta ci starò attenta e al limite opterò per la soluzione del colino... perchè, diciamocelo, quella sera ero con gente che mi conosce molto bene ma se i pezzi di frutta li avesse notati un estraneo penso che mi sarei gelificata io per l'imbarazzo in quel momento stesso!
Grazie davvero per la disponibilità e comunque, sì... la base è davvero buona!
Un bacio,
Gabriella.

GuP - Giusto un Pezzetto ha detto...

L'ho provata anch'io e anch'io ho avuto qualche grumo di gelatina. Il problema sta nel fatto che la gelatina sciolta è a una temperatura troppo alta rispetto a quella del composto dove la si va a inserire; questo "choc" termico tende a solidificare la colla di pesce, provocando i grumi.
Comunque buonissima!