fiOrdivanilla | il Senso del Gusto: Polvere di… fragole!

martedì 5 maggio 2009

Polvere di… fragole!

Polvere di fragole essiccateDopo aver meditato a lungo se ne valesse o no la pena tentare, ho deciso di si.
Ho letto in alcuni libri di pasticceria della povere di lamponi… beh, non ho molto tempo ora per spiegarvi cosa mi è scattato nella testolina, quali meccanismi contorti, però ho tempo appena di mostrarvi la mia idea e le mie foto…
Pensate ai pomodori secchi. Fatto? Ecco, il principio è lo stesso, il meccanismo pure: fragole essiccate. Questa super polverina è fantastica, è un concentrato di fragole come potete ben immaginare… e ho intenzione di tenerla come fosse oro, di farne buon uso, visto che richiede parecchio tempo per la preparazione e… parecchie fragole! … intanto ho in mente di utilizzarla per fare degli squisiti macarons… sì, avete capito bene. C’è chi ha già provato a farli col matcha… io proverò con questa sensazionale polverina di fragole. E poi ovviamente la proverò per fare dei biscottini particolari…
 e poi chissà cosa mi suggerà la mia fantasia :)

L’idea mi è venuta dopo che ho avuto a che fare con diverse polverine, come il matcha. Poi, come ho già detto, avevo letto di una certa polvere di lamponi… e così ho pensato, perché non quella di fragole? E’ vero che tre giorni di forno sono lunghissimi, ma non credo che il dispendio energetico sia tutto sommato grande, perché si tratta di mantenerlo a 45/50 °C.
I cibi si possono essiccare tutti in teoria, se ci pensate. Per esempio ho letto di chi ha provato ad essiccare l’anguria, giurando di aver gradito molto il risultato. Naturalmente i prodotti essiccabili sono molti, ognuno di questi ha delle proprie modalità di essiccazione che sarà meglio seguire per avere maggior efficienza con costi minori possibili.
Per esempio i frutti e gli ortaggi di grosse dimensioni, impensabile essiccare interi o anche solo divisi a metà, andranno tagliati a fette, pezzetti, cubetti, striscioline ecc. Le forme e le dimensioni del taglio possono dipendere un po' dal gusto personale, un po' dalle caratteristiche del frutto e un po' dall'uso che se ne vuol fare dopo l'essiccazione.

Il principio dell’essiccazione detto nella maniera più semplice possibile è questo: l'essiccazione avviene con l'evaporazione dell'acqua contenuta all'interno delle cellule (e fin qui nulla di nuovo). Quest'acqua deve quindi uscire da ciascuna cellula e passare attraverso gli strati successivi di cellule fino a raggiungere la superficie del taglio effettuato per liberarsi finalmente all'esterno ed evaporare. Quanto più grosse saranno le porzioni di cibo tanto più lungo sarà il tempo che ci vorrà per essiccarle. Ecco dunque perché io ho deciso addirittura di frullarle le fragole, anziché tagliarle a fettine o a pezzetti. Alcuni frutti sono più difficili da essiccare, per esempio susine, albicocche, ciliege, uva, frutti di bosco, per la scarsa permeabilità della buccia, la cui funzione primaria è quella di impedire l'evaporazione dell'acqua, a difesa del frutto contro la siccità. Sarà quindi necessario rompere la buccia dividendo il frutto a metà o a fette, oppure renderla permeabile con l'immersione per circa 1 minuto in acqua bollente.   Tauro Essiccatori per le informazioni
Certo l’essiccatore sarebbe l’ideale.  
Polvere di fragole essiccate

Polvere di fragole (essiccate)

Ingredienti

1 kg di fragole (per un vasettino medio)

Frullare tutte le fragole, mettere il frullato su teglie ricoperte di carta da forno e infornare per tre giorni a 45/50° C, mantenendo il forno aperto con un cucchiaio di legno infilato tra il forno e lo sportello, così da consentire al vapore di uscire. Ogni tanto girare la frullata con un cucchiaio di legno, direttamente nella teglie. Una volta essiccate completamente, staccare con cura il frullato di fragole essiccato dalla carta da forno, riporlo in un mixer (il massimo sarebbe il Bimbi) e frullare per qualche minuto, fino a che sia ridotto in polvere finissima (se rimane qualche pezzettino non importa. I pezzettini più grossi potete usarli come si fa per l’uvetta: facendoli rinvenire in un po’ di acqua (o liquore alla fragola o altro liquore, per la libidine dei sensi:)
Mettere in un vasetto e conservare in luogo fresco e asciutto e al riparo dalla luce.


Articoli correlati per categorie



Stampa il post

19 semini di vaniglia:

dolci chiacchiere ha detto...

ma sei proprio un vulcano....questa come ti è venuta in mente????complimenti anche se ci vuole un pò troppa pazienza per i miei gusti ma aspetto curiosa il risultato dei tuoi esperimenti...baci katia

Sara ha detto...

Polvere di fragole!!! Non ce la fai proprio a stare fermina eh!? Ti capisco, quando passo anche solo 3 giorni senza cucinare divento sclerotica. Brava, questo denota una grande grandissima passione!

valina ha detto...

dopo aver provato la polvere d'arancia ho capito che qst metodo è fantastico x insaporire qualsiasi pietanza..il fatto è che è un po' dispendioso..cn le arance ho usato il termosifone..ma adesso? ..voglio l'essiccatore!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Gio ha detto...

Che bellezza *.* voglio anche io un essiccatore!!!
Ma ..era un post che avevi già scritto o ti sei messa a far tutto con una mano sola??

Onde99 ha detto...

Santo cielo, ecologista come sono non potrei pensare di tenere il forno acceso per tre giorni... ma si può sempre sfruttare il sole, come per i pomodori e i peperoni secchi, no? Appena raccolgo un po' di lamponi proverò a farla con quelli, soprattutto se mi dai qualche dritta su come utilizzarla!

Carolina ha detto...

Un lavoraccio!!!
Però il risultato mi piace così tanto... Chissà che buona!
Magari faccio come Onde, e le faccio essiccare al sole...
Aspetto a braccia aperte le ricette per vedere come le hai utilizzate!
Buon pomeriggio!

minnie ha detto...

Carissima riesco solo ora a lasciarti un saluto ma sono contenta di vedere che, anche se non sei in piena forma, continui a farci compagnia con le tue meraviglie.
Vedrai che tutto passerà e ti riprenderai al meglio.
Bacioni.
Lisa

Tortino al cioccolato ha detto...

Ehi non ti fermi un attimo eh!?! :-) così ci piaci!!! bacioni

Claudia ha detto...

Riposarti no è?????? comunque non ho mai sentito di polvere di fragole.. ma suona bene.. son curiosa di vedere le tue creazioni future usandola :-)))))baci baci

Nicole ha detto...

Ciao cara! questa idea delle polverine mi stuzzica parecchio, ma lasciare acceso il forno tre giorni...non resisterei!!Sono troppo impaziente!! e sono felice che tu abbia ancora tanta voglia di sperimentare e aggiornarci nonostante i dolori! Ti possiamo firmare virtualmente il gesso???
Un abbraccio!

Romy ha detto...

Nonostante i tuoi malanni, sei sempre più creativa...un vulcano di idee! Questa poi della polvere di fragole me la segno proprio...mi immagino come debba essere buona nello yogurth, nei muffins, nei liquori, nelle farcie...bravissima! :-D

Marilì di GustoShop ha detto...

La DEVO fare, è un MUST irresistibile ! Troppo glamour ! Ma poi devo anche trovare un po' di tempo per venirmi a spulciare con calma tutto questo bellissimo blog :-))

Betty ha detto...

bella questa, bella davvero.
dopo la polvere di bucce d'arancia ora le fragole... proverò, bravissima.

Maki ha detto...

Wow, fragole essiccate! Non mi sarebbe mai venuto in mente... E che sapore ha la polverina? Immagino QUANTE cose buone si possono fare!

Lydia ha detto...

geniale, da copiare!!

fiOrdivanilla ha detto...

@dolci chiacchiere, però per usarla (dsato che voglio essere molto cauta, precisa, inventiva.. e voglio dasre il meglio di me..) aspetterò di togliere questo dannatissimo gesso anhe se ho il brutto presentimento che per tutti gli sforzi fatti e tutte le botte prese a destra e a manca (sono irrequieta).. dopo avermi fatto la lastra di controllo temo mi rimettterano il gesso per un altro periodo o qualcosa di simile di più leggero.. non so.. Mi auguro in ogni caso di no:(

@Sara sì, una passione irrefrenabile ... e non solo la passione, ma pure io sono irrefrenabile! in queste circostamze non so se sia proprio un bene. però va be' dai:)

@valina anche io voglio l'essiccatore!!!!!!!! devo assolutamente informarmi se ci sono essiccatori economici e pratici per uso casalingo ! polvere d'arancia?? .. stesso metodo? e come hai fatto sul termosifone. voglio dire, quanto tempo hai impiegato??

@Giò, una mano sola :\ irrequieta come sono oramai mi sono impratichita in fretta! ehheh però spero sarà perdonata per yttutti gli errori non corretti... va bene tutto, però se ogni fdue per tre devo tornare indietro con le freccette, casncellare, correggere... ci metterei dei secoli!

@Onde, nell'aggiornamento del post ho scritto qualcosa sul fatto di non poter fare l'ecologista:) comunque prossimamente, quando la userò per la prima volta, farò un elenco (intanto mi documento a dovere e faccio delle ricerche approfondite, così come mi piace sempre fare) degli usi che se ne possono fare.. ok?:)

@Caro anche io vorrei provare al sole, ma se dovessi fare così non in che proporzione otterrei polvere del frutto essiccato e quella dello smog :/

@minnie grazie! grazie tanto tanto... anche se, come ho detto sopra, temo mi prolungheranno la tenuta del gesso.. anche se mi auguro di no perché anche solo dopo una settimana non riesco già più a sopportarlo. mi viene da toglierlo! e poi non capisco perchè il dolore allo sterno no n mi passa. uff.

@tortinE al cioccolato: ènnò, sono come un treno in corsa, senza fermate intermedie.. dritta a destinazione:) grazie ragazze

@Claudia riposarm io? quando chi dove perchè? :)
Spero di riuscire ad usarla quanto prima! intanto medito a lungo sugli infiniti modi con cui potrò utilizzarla!!:)

@Nicole.. ahahha infatti anch'io sono abbastanza impaziente e questo spiega anche il rigetto che ho per l'essiccazione al sole :D non ce la farei!!
Siiii il gessoooo è ancora così biano bianco... :( infatti ho vietato a chiunque di firmarmelo, almeno fino a domenica, perché ho una comunione e mi sembra poco idoneo andare a d un evento simile con il gesso imbrattato :) quiundi da domenica... via libera a firme virtuali e non !:)

@Romy già solo accenando gli usi che si possono fare ne hai detti di belli e buonissimi!! come nelo yogurt.. e magari i pezzi più grossi rimasti dopo aver setacciato tutta la polverina, si tengono da parte per farli rinvenire in acqua o alchermes o altri liquori, per poi utilizzarli in muffin o mini cake, ecc.. qualcosa di piccolo, in mood tale che non vadano dispersi nel dolce di grosse dimensioni e, quindi, sprecati:)

@Marilì grazie! Non speravo saresti passata!! E' un grande piacere e ancor di più lo è il fatto di sapere che ti interessi spulciare il mio blog :) la polverina, non solo difgragole, ma in generale, trovo anch'io sia davvero un must! è fantastica e si presta per mille usi e preparazioni pregiate :)

@Betty grazie:) sei la seconda che mi parla di questa polvere di arance.. cavoli devo provarla anch'io! come risulta? amara o medio-dolce??

Maki, hai presente il sapore dei pomodori secchi? Hanno lo stesso sapore del concentrato di pomodoro, che si trova in tubetto nei supermercati... ecco, l'idea è quella: un sapore abbastanza secco, concentratissimo e profumatissimo di fragole!

@Lydia garazie, se me la copi non posso che esserne contenta ;)

Precisina ha detto...

Ahah, Olympus quindi?! :-) Io invece sarei fresca fresca (ma proprio fresca!) di Nikon... al momento scatto soprattutto in mod. automatica e intanto leggoleggoleggo e gongolo alla grande con le messe a fuoco etc etc... insomma, s'è aperto un nuovo mondo! auguri di prontissima guarigione!!! :-) Nadia.

valina ha detto...

Sinceramente nn so qnt ci ho impiegato..semplicemente qnd mangiavo un'arancia ne pulivo bene la buccia e la piazzavo sul termo...la lasciavo lì dei giorni...qnd mi sembrava durissima e secca secca la minipimeravo!!! :-P

fiOrdivanilla ha detto...

@Precisina Olympus, sì sì, prima avevo una canon ma sotto consiglio esperto di mio padre abbiamo acquistato questa http://www.olympus.it/consumer/dslr_digital_slr_e-30_20234.htm
e questa http://www.olympus.it/consumer/dslr_E-510.htm :) anche perchè mio papà ha tanti obiettivi adattabili as questo tipo di macchina fotografica. Però aspiro anche io alla Nikon... :))