fiOrdivanilla | il Senso del Gusto: Aggregatori e premi (e una mattinata da raccontare)

domenica 14 giugno 2009

Aggregatori e premi (e una mattinata da raccontare)

Aggregatori consigliati e sconsigliati…

Ultimamente ho iscritto il mio blog a diversi aggregatori di blogger.. non lo avevo mai fatto prima ma penso sia una buona utilità, quindi sotto il consiglio di alcuni di voi e su proposta degli stessi autori (“autori”, sì… che poi non so se mandano msg automatici o che cosa, ma pazienza…) ho deciso di aggregarmi anche io a qualcuno di questi.
Gli aggregatori sono linkati a fondo pagina sulla colonna di
Blog di Cucina - i migliori sono quidestra, mentre cito l’ultimo, che mi è stato consigliato di recente da Lory e che ringrazio molto, ed è Ricette di cucina – i migliori sono qui.



Per quanto riguarda i premi ringrazio le gemelline
Silvia&Manu e Imma, che mi hanno Good Morning BLOGregalato questo simpatico premio… Mi sento un po’ anomala dovendo trovare un nome a questo simpatico mostriciattolo che, a differenza della maggioranza, risponderà ad un nomignolo che lo vedrà come esserino mattiniero anziché dormiglione. Volevo chiamarlo Svegliolo. Si, Svegliolo. L’ottavo nano potremmo dire? Possiamo, sì che possiamo. Soltanto che ho (per fortuna!) visto che persino Elga lo ha chiamato così. Nn potevo crederci quando ho visto lo stesso nome! Dovrò dunque assumere che siano gemelli! Quindi lo chiamerò…… Svegliolino. Essì, è l’unica chance :)
Svegliolino, il fratello contrario di
Svegliolo si sta decisamente riprendendo (mi auguro) con quella tazza fumante di.. (?). Perché io sono così, tutta al contrario di dormiglioni o simili. Non perché non mi piaccia dormire.. o meglio, non lo so! .. Non ci riesco, quindi non saprei dirvi. Soffro d’insonnia da ormai moltissimo tempo e se riesco a dormire per più di 4 ore di fila lo considero un miracolo.
Mi sveglio con la sveglia biologica, alle 4.30 (dopo diversi risvegli notturni) o alle 5.00/5.30 mi alzo dal letto.. C’è anche da dire che non mi alzo delicatamente e tranquillamente, magari stiracchiandomi, magari adagio adagio mettendo giù un piede prima, poi l’altro… no. Mi alzo con la schiena retta retta d’improvviso, appena spalanco gli occhi! Come fossi l’Anticristo! Poi scatto giù dal letto e vado a preparare il caffé per la mia mamma. Mentre la moka è sul fuoco (o la macchinetta del caffè è pronta), preparo il resto della colazione, sempre per lei. Una volta pronto il caffè vado a svegliare mia mamma e mentre lei con calma si alza e si connette al mondo, io preparo la mia tazza d’orzo. Si, io bevo l’orzo. Orzo Bimbo per la precisione oppure Orzo&Cacao, dolcificato con il Tic. Finita la colazione lei si prepara, si lava, si veste…  Io? Dipende: alcuni giorni mi metto subito a studiare, altri giorni vado a correre, altri vado in palestra, altri ancora vado a Milano con mia mamma sin dal mattino presto, così una volta arrivata a Milano attendo le ore 8.30/9.00 per poter entrare in biblioteca all’università.

La mia è una sveglia biologica, non ho bisogno di puntare il cellulare o una sveglia elettronica. Alle 5.00 al massimo suona il campanellino d’allarme nella mia testa. Ma in tutto ciò non mi lamento.. ormai non più. Ho imparato ad apprezzarne i lati positivi (per me ce ne sono), nonostante ce ne siano parecchi anche di negativi… come la stanchezza che arriva si fa sentire già nel tardo pomeriggio, per non parlare della sera, quando alle 20.30 ho già un sonno inverosimile. Ma, dicevo, i lati positivi non posso trascurarli.. La magia del mattino. Questo in primis. E non è paragonabile a niente! Assistere al risveglio del sole, al cambio di temperatura, dalle prime frescure, fino alla temperatura mite di metà mattino e pian piano assistere al sole che si scalda – questo in primavera-estate naturalmente. Ma anche l’inverno regala i suoi izucncantevoli risvegli… La nebbia bassa sugli enormi campi di grano a formare uno strato sottile e quasi perfetto, illimitatamente lungo e ampio… e che io chiamo respiro della terra. Mi piace pensare che la nebbia sia il suo respiro. E quando la nebbia è così bassa – tanto che se avesse consistenza ci si potrebbe saltare sopra come se fosse una rete elastica - provo piacere ad immaginarmi di passarvi attraverso, lasciandomi dietro una lieve apertura di passaggio.. Mi immagino come se camminassi tra le nuvole, in mezzo ad esse. E tanto altro… ma forse ormai avrete dedotto che non c’è cosa che io non apprezzi della natura (insetti a parte:). La natura mi emoziona.

Tanto per restare sul tema dei risvegli, questa mattina è stata meravigliosa.
La sveglia (biologica) mi ha fatto aprire gli occhi alle ore 5.00, all’incirca. Mi sono alzata con l’illuminazione di un nuovo tipo di biscotti. Allora ho preso il mio diarietto dove appunto le mie creazioni e ho iniziato a scrivere e appuntare. Poi vi farò sapere se è venuto bene… è abbastanza originale, particolare, da abbinare… ai formaggi! o almeno questa è l’idea. Formaggi non leggeri, ma piuttosto gustosi, saporiti, “spessi”. Sono biscotti alla noce moscata ed essenza di arancia, ricoperti di granelli di zucchero di canna e un mix di pepi e cacao amaro. Si , si,  vi farò sapere.
Ho preparato l’impasto e messo in frigo a far riprendere consistenza al burro… Lo avrei ripreso poi nel pomeriggio: nel frattempo ho preparato la colazione a mia mamma per quando si sarebbe svegliata.. crema di nocciole al cioccolato fondente, pane tostato, yogurt al lampone (fatto da me), una coppetta di pop-corn dolci glassati al caramello e un piattino di burro da spalmare sul pane.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA         Mi sono cambiata, lavata, vestita… e sono uscita in rollerblade. Avevo intenzione di andare fino  all’
Azienda Agricola di Bollate per prendere il latte crudo.. e così ho fatto. Armata di zainetto, bottiglia in vetro, mp3… Ho impiegato un’oretta.. e dopotutto ne è valsa la pena. Infatti è stato un tragitto meraviglioso quello che ho fatto per arrivare all’azienda, fino ad oggi raggiunta sempre in macchina.
Che paesaggi… e che quiete a quell’ora! ..mi sembrava davvero di essere in campagna, mancavano soltanto le vallate, i recinti di case agricole, pecore al pascolo (e poi magari Heidi e Peter :D)… era bello davvero. Quanto più mi avvicinavo alla cascina, tanto più l’odore di stalle, di fieno, di mucche e cavalli riempiva l’aria circostante. E non aspettatevi che vi dica ‘che puzza’, perché a me infonde una sensazione di benessere ineguagliabile.
Il percorso è stato a tratti pista ciclabile - marciapiede pedonale – strada e persino un ponte. Quasi tutte le strade costeggiavano caseggiati con immensi giardini verdi, tantissimi campi di pannocchie, di grano, per ora ancora in fase di maturazione. Infatti la semina dei chicchi di mais – future pannocchie – viene solitamente fatta nel mese di maggio: a
inizio mese scorso, passando sempre per quelle strade in macchina, vedevo i contadini che col loro grosso “carro” (non mi viene in mente il nome della macchina apposita che usano per seminare nei campi) inseminavano e inseminavano… avanti e indietro per tutto il campo già dalle 6.00 della mattina. ‘na faticaccia. Un mese dopo la semina i chicchi si possono osservare già i germogli – ed è quello che ho potuto vedere io stamattina - Si vedono spuntare dalla terra delle piccole piantine che arrivano poco sopra al ginocchio. Sono di un verde tale che mette gioia solo a guardarlo… illumina gli occhi… e il colore brillante assieme alla tenerezza dell’ancora giovane piantina fanno quasi sorridere e gioire insieme. Durante l’estate la crescita delle piantine di mais avviene a dismisura… Dopo circa tre/quattro mesi le piante raggiungono quasi il metro e mezzo di altezza. Infine, ad ottobre, avviene la spannocchiatura… e la cosa curiosa è che questa viene fatta quando le piante sono ormai diventate secche, quando assumono cioè un colore giallognolo, più sull’ocra, color ocra chiarissimo. Perché è allora che ci si intrufola fra le piante secche per staccare le pannocchie mature.
Ricordo che tanti anni fa una bambina andava insieme ai suoi piccoli amici a rubare le pannocchie in questi campi… dico rubare perché è ovvio che non si potrebbe. Questa bimba, come del resto tutti gli altri bambini, non sapevano nemmeno cosa ne avrebbero fatto con quelle pannocchione giallissime… ma il gusto di andare a prendere qualcosa in proprietà private,  riempire sacchetti di plastica del supermercato e fuggire a più non posso con il cuore in gola che batte all’impazzata, la paura di essere visti… e tornare a casa col fiatone della corsa e gridare ‘mamma mamma guarda che cos’ho qui!!’ col sorriso stampato in faccia… ecco, tutto questo non ha prezzo.
Quella bimba ero io.

Più avanti, oltre i campi e le piantine di mais, v’erano poi delle case e ognuna di esse aveva come delle aie, dei cortili antistanti le case che separano le stesse dalla strada con un piccolo giardino. Le mura relativamente alte dei giardini diventavano quasi inesistenti poiché travestite da piante rampicanti Jasminum, stracolme dei loro profumatissimi fiori. Ed è di lì, che passando veloce con i miei pattini, sfioravo meravigliosi gelsomini in fiore, di cui mi inebriavo dell’intenso e intrigante profumo, quasi pungente, forte e quasi estatico.
A seguire, qua e là piante di glicine la cui profumazione era sottile ed evanescente; infatti quei glicini – o finti grappoli d’uva ? –
erano di un colore violetto sbiadito, poiché evidentemente giunto oramai al termine della sua fioritura, nonostante la pianta rimanga fronzuta fino ad autunno inoltrato.
Il percorso a ritroso non è stato una noiosa ripetizione, ma anzi, occasione di ulteriore meraviglia e piacere.


Articoli correlati per categorie



Stampa il post

11 semini di vaniglia:

Marilì di GustoShop ha detto...

Che bello questa mega passeggiata in rollerblade (ehhh anche io un tempo...ma mi sembra un secolo fa !!!), i ricordi, il latte crudo buono buono. Questo racconto mi ha allargato il cuore! Ciao ciao

Konstantina ha detto...

Buongiorno!
Se vuoi passa da me, c'è un premio per te!

Claudia ha detto...

Anche io mi son iscritta da poco a quell'agregatore... Complimnti per il premio.. Bacioni e buon inizio settimana!!! :-))

Onde99 ha detto...

Cara, la descrizione del tuo risveglio e delle gioie del primo mattino mi ha quasi fatta piangere: come te sono un'allodola, mi sveglio prima delle 6.00, spesso poco dopo le 5.00, e tengo a bada i risvegli notturni solo con un leggero antistaminico, in modo da avere, per fortuna, un sonno continuativo e ristoratore almeno nelle ore centrali della notte. E, come te, alle 20.30 crollo dal sonno. Ho sempre vissuto questa cosa come un grosso problema, dato che mi fa vivere un'esistenza piuttosto "sfasata" rispetto agli altri... vorrei riuscire a vederla come te, già sapere che a quell'ora non sono l'unica persona sveglia nel meridiano, ma ci sei anche tu, mi consola... chissà, magari se mi concedessi più spesso una colazione sontuosa come quelle che tu prepari per la tua mamma ;-) Aspetto con ansia i biscottini da formaggio!

Nicole ha detto...

tesoro! ma hai scritto una poesia, non un post! Bellissimo il risveglio, la passeggiata, mi hai fatto sentire gli odori e i profumi, mi sembrava di sentire una leggera brezza sulla pelle per via della velocità coi roller..
Brava brava brava e sempre piena di energie e idee! io lo sai ti invidio un sacco per questo, sono una poltrona vivente, e in questo periodo sempre stanca!Un bacione!

Ciboulette ha detto...

ma che ragazza sei Ti svegli con il pensiero di biscotti spaziali, porti una colazione da sogno alla tua mamma, e fai km con i pattini per andare a prendere il latte crudo....se non sei Heidi, Candy Candy nonna papera insieme, dimmi chi lo è!!

:D

Anche io amo molto le ore del mattino, soprattutto quando studiavo d'estate..ma il mio orologio biologico è più pigro ;)

LeCiorelle ha detto...

non è male l'idea dell'aggregatore, anche se prima di iscrivere il blog chiederò alla ciorella se è d'accordo :P
cmq c'è un premietto per te da noi!!

Lydia ha detto...

Sai che non conoscevo questo aggregatore?
Mi sono appena iscritta.
Grazie

Anonimo ha detto...

Qual post!!
Io, al contrario di te, dormirei fino a... no be', in realtà mai oltre le 9/9 e mezza, ma insomma le mie otto ore di sonno sono tassative. Ma sono vagamente conscia del fatto che potrendo più o meno fino alle 10 e mezza mi perdo molte ore interessanti e silenziose... E poi, forse per intuito più che per diretta esperienza, anch'io penso che le mattine siano magiche!
Bella la passeggiata in roller... Io sono pigrottissssimaaaaaa quindi proprio non se ne parlerebbe :P

Gli aggregatori per blog... Già... Sono anche iscritta ad uno, ma.... ...be' non so che vor dì... Mi fai un riassuntino di quello che fanno questi aggregatori? :D

(ros)marina

fiOrdivanilla ha detto...

@Marilì, sono contenta di averti riportato un po' indietro nel tempo :)

@Kostantina grazie!! molte grazie! nei prossimi post pubblico il premio! :)

@Claudia graSSie per i complimenti e buonissima settimana a te!

@Onde, cara mia consimile e allodola amica :) ...
Io ho tentato con diverse cose, ora con la melatonina e.. Niente da fare. E' che in fondo credo sia tutta una questione mentale. Se solo si risolvesse quella, il sonno sarebbe più tranquillo, ne sono più che certa. Infatti quando trascorro una giornata serena e in buona compagnia, mi rendo conto che pur svegliandomi presto, ho un sonno più tranquillo, nel senso che non ho risvegli notturni.
E non credere che io non lo vivo come un problema, perché anche io, come te, mi sento piuttosto diversa da tutti gli altri. Tra l'altro mi faccio problemi ad andare via in vacanza con gli amici o andare una sera a dormire fuori dalle amiche.
Però come si dice... bisogna cercare di vedere del bello anche dove sembra non essercene. "Vedere il bene nel male", più o meno. Se fossimo vicine (ma io non so nemmeno di dove sei :( te la preparerei davvero la colazione :) magari con tanto di vassoietto apposta per servirla a letto (a me sinceramente non piace fare colazione a letto, con tutto il lusso con cui si possa immaginare che sia 'la colazione a letto'... a me non piace).. anche se non so quando sarebbe originale visto che sarebbe una gara a chi si sveglia prima! ahhaah :)

@Nicky, dolcezzina mia :) una volta o l'altra ti traino con me.. bici o roller, mi segui! :) almeno fino alla cascina dai, sarebbe carino. Prendiamo il latte insieme, magari chiediamo se ci fanno fare un giro tra le mucche e i cavalli .. e poi torniamo. Eh? :) e magari torniamo cavallo (io col mulo =D)

@Ciboulette mi hai fatto sorridere.. ahahah che forte che sei! Mi ci vedi? A passeggiare tra i monti e per le vie del paese, a fischiare alle pecore - tra cui fiocco di neve - e poi Candy Candy.. ahh, che fascino quella ragazzina (però bionda;). Pensa te, dicono di lei "Purezza di spirito e fiducia ad oltranza: questa vivace adolescente di primo novecento è incapace di malizia, di pensieri cattivi sul prossimo, persino la menzogna sulle sue labbra diventa una specie di malcelata verità. Però è vero.. ci hai azzeccato.. ma come fai a conoscermi così tanto?? :) E per Nonna Papera.. ah no no, lei è troppo per me!

@Cio/Sorelle grazie tante, al prossimo post pubblico anche il vostro premietto, graziegrazie!

@Lydia facciamo girare voce allora, così ci iscriviamo in tanti:) l'ho scritto apposta per farlo conoscere a chi ancora non era al corrente della sua esistenza ;)

@Ros! Grazie del "Qual post"!:)) urca.. se io riucissi a dormire più di 6 ore di fila sarebbe un miracolo!!
Gli aggregatori di blog sono siti che aggregano contenuti, in questo caso 'ricette e cucina' diciamo. L'iscrizione del proprio blog a questi siti porta concreti vantaggi per il proprio blog perché chiunque visita il sito-aggregatore in questione, ha l'occasione di imbattersi nel tuo blog. Quando tu pubblichi un post, questo viene pubblicato a suo volta sul sito-aggregatore e tutti quelli che capitano di lì lo vedono; oppure chi ricerca una ricetta con un titolo simile al tuo o quegli ingredienti.. appari anche tu con la tua ricetta tra i tanti! Insomma.. è un modo per divulgare il proprio blog e farsi conoscere! :)

Marina ha detto...

Wooow ok! Capito! Grazie ^_^
(ros)marina